9474652420519448 01688101952603718437

sabato 3 settembre 2011

HARRY POTTER e i Doni della Morte (The Deathly Hallows) Parte 2 - Regia di David Yates

      
È finito...e quasi mi viene da piangere...come farò senza il collegio di Hogwarts, senza l'astuzia di Harry, la bellezza di Ermione e la malvagità di Voldemort...come farò senza quel mondo fantastico dove tutto era possibile...


Era il 6-12-2001 e nelle sale italiane usciva "Harry Potter e la pietra filosofale" il primo della saga tratta dai libri di J. K. Rowling. Ed è da allora che i fan di tutto il mondo attendono di vedere il fatidico duello, quello sempre annunciato e sempre rimandato, il duello tra Harry e Voldemort, il suo nemico mortale.


E dopo l'uscita a novembre del, a parer mio, deludente "Harry Potter e i doni della morte" questa volta ci siamo veramente e si fa sul serio.


È a Hogwarts, la leggendaria scuola di magia dove tutto ebbe inizio, che si compie lo scontro finale, ma questo avviene solo dopo un'epica battaglia tra le forze del Bene e quelle del Male.


Ma andiamo per ordine, cercando di fare il punto di questo intricato film, l'ottavo, ma che in realtà è la seconda parte del settimo....e già qui uno si perde....ma d'altronde era impossibile concentrare tutti gli avvenimenti in meno di quattro ore, e ancora più difficile sarà per me concentrare in poche righe il riassunto di questo film:

HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE Parte II
Titolo originale - Harry Potter and the Deathly Hallows: Part II
Lingua originale - inglese
Paese - Regno Unito, USA
Anno - 2011
Durata - 130 minuti
Genere - fantastico, azione
Regia - David Yates
Soggetto - J. K. Rowling (romanzo)
Sceneggiatura - Steve Kloves
Produttore - David Barron, David Heyman, JK Rowling
Casa di produzione - Heyday Films, Warner Bros
Musiche - Alexandre Desplat
Scenografia - Stuart Craig
Costumi - Jany Temime

Interpreti e personaggi principali

Daniel Radcliffe: Harry Potter
Rupert Grint: Ron Weasley
Emma Watson: Hermione Granger
Ralph Fiennes: Lord Voldemort
Alan Rickman: Severus Piton
Helena Bonham Carter: Bellatrix Lestrange
Maggie Smith: Minerva McGranitt
Michael Gambon: Albus Silente
Jason Isaacs: Lucius Malfoy
Tom Felton: Draco Malfoy
Helen McCrory: Narcissa Malfoy
     



   
TRAMA

Herry sa che dovrà affrontare Voldemort, era stato a suo tempo annunciato da una profezia, e sa, che solo uno dei due sopravvivrà. Ma prima deve trovare gli Horcrux e distruggerli, perché è in questi oggetti che parte dell'anima del malvagio Voldemort risiede, ed è questo che lo rende immortale.



COMMENTO

Però!...è stato più facile di quanto pensassi...sì, la trama del film alla fin fine è questa. Banale? No, non banale, diciamo logica. Ma è il modo in cui si arriva all'epilogo finale che toglie letteralmente il fiato.
Infatti se la prima parte del film era una sorta di road movie, la seconda è un vero e proprio film di guerra.


Il duello con Voldemort avviene in uno spericolato rincorrersi tra cunicoli e corridoi che cambiamo continuamente forma.
Una delle scene più importanti è quella che vede i nostri eroi nel tentativo di recuperare una spada magica nel dedalo di un sotterraneo, rischiando di essere travolti da una caterva di gioielli e monete d'oro.


Altre scene clou sono la battaglia contro il drago e contro Nagini il fedelissimo serpente di Voldemort.
E poi che dire del romantico bacio tra la bella Ermione e il rosso Ron...avendoli visti crescere ero imbarazzata per loro....


Alla fine tutto andrà distrutto, anche la sala principale dove si svolgevano i finali festosi dei film precedenti.


Insomma, scene grandiose, eppure qui c'è altro, c'è il cuore, se il cuore non palpita per chi sta lottando è impossibile emozionarsi veramente, penso sia questo il segreto del successo della saga. Una storia questa che nonostante le dimensioni colossali è basata su semplici principi, primo fra tutti l'Amore, in tutte le sue forme e una di queste forme, forse la più luminosa è l'Amicizia, che lega in modo indissolubile i tre protagonisti.


L'altro tema portante è la continua lotta tra il Bene e il Male, a dirlo pare semplice, invece è complicatissimo perché nessuno è completamente buono o irrimediabilmente cattivo, a parte Voldemort naturalmente.


Per i puristi della saga scritta c'è da dire che il film non è fedelissimo all'originale, molte vicende sono state omesse e altre aggiunte di sana pianta, ma d'altra parte riportare sullo schermo la fantasia di J. K. Rowling è già stata di per se un'impresa eccezionale.

Conclusione: ...e tutto finisce dove ebbe inizio....


Grazie Marianna . . .

___________________________________________________________________

Nessun commento: