9474652420519448 01688101952603718437

sabato 3 dicembre 2011

EVERYMAN - Un dramma medievale (A Medieval Drama)

     
Dei vari drammi medievali a noi pervenuti il più famoso e sicuramente il più interessante è la moralità inglese Everyman (Ognuno).

Vi è narrata la vicenda di Ognuno che viene esortato dalla Morte a compiere un lungo viaggio da cui sicuramente non farà ritorno. Disperato, Ognuno cerca degli amici disposti ad accompagnarlo, ma non trova nessuno. Solo Buone Azioni si dichiara disponibile, ma non può seguirlo perché è troppo debole a causa dei peccati di Ognuno. Lo raccomanda, però, a Conoscenza che lo conduce da Confessione. Ognuno si pente e così Buone Azioni trova la forza per seguirlo fino nella tomba. Il dramma si conclude con l'annuncio da parte di un Angelo dell'ingresso di Ognuno nella sfera celeste, dopo di che un Dottore fa la morale.

L'anonimo autore di questo dramma ha inteso rappresentare le principali preoccupazioni e i più importanti problemi dell'uomo medievale di fronte alla morte e a Dio, giudice supremo davanti al quale l'uomo doveva assumersi le proprie responsabilità.
L'opera è permeata dal senso della transitorietà della vita umana, della fragilità e della debolezza dell'uomo che ha bisogno dell'aiuto divino nella sua continua lotta contro il male, ma che nello stesso tempo deve saper scegliere fra il bene e il male. Determinanti sono le figure di Buone Azioni, Carità e Conoscenza, le forze positive che non abbandonano Ognuno.
Buone Azioni e Carità sono importanti perché grazie a loro Ognuno riesce a conquistare il regno dei cieli, ma il loro intervento non sarebbe sufficiente senza l'aiuto di Conoscenza.
La conoscenza, infatti, si identifica con la fede, che nel Medioevo era intesa come intuizione e riconoscimento della legge divina presente nell'universo, unica legge alla luce della quale l'uomo poteva capire le proprie azioni e il peso che queste avevano nella conquista della vita eterna.
  

Nessun commento: