9474652420519448 01688101952603718437

lunedì 5 dicembre 2011

OLIVER & COMPANY - Walt Disney


   
OLIVER & COMPANY

Titolo originale - Oliver & Company
Paese - Stati Uniti
Anno - 1988
Durata - 71 minuti
Colore - Colore
Audio - Dolby Stereo
Genere - Animazione
Regia - George Scribner
Soggetto - Charles Dickens (romanzo)
Produttore - Kathleen Gavin
Casa di produzione - Walt Disney Feature Animation
Distribuzione (Italia) - Walt Disney Pictures, Buena Vista Distribution
Musiche - J.A.C. Redford

Personaggi

Oliver
Dodger
Fagin
Jenny
Tito
Francis
Einstein
SRita
Georgette
Sykes
Roscoe
Desoto
Winston
  
  
   
Disavventure a New York di un gattino abbandonato, dei suoi amici cani randagi e della sua ricca e affettuosa padroncina adottiva. Vedi la trama completa

Palese è la modernità di Oliver e Campany (1989), quasi un gangster movie metropolitano, dove una banda eterogenea di cani e gatti che vivono su un barcone nel porto di New York dà una mano a un piccolo malavitoso ricattato da un boss dell'usura. 
Se l'intreccio, lontanamente ispirato a Oliver Twist, è piuttosto stiracchiato, il film vive sull'antropomorfismo dei caratteristi a quattro zampe (l'adrenalinica bastardina chicana, il bulldog patito di Shakespeare, doppiato da Roscoe Lee Brown, il tramp simile nell'aspetto e nei modi all'eroe di Lilli e il vagabondo), sulle caricature fumettistiche degli umani (il piccolo malvivente allampanata e infingarda e il massiccio impressionante boss), sugli sfondi urbani animati con esagerato sfoggio di computergrafica (che permette di simulare complicatissimi movimenti di macchina), e su almeno un buon numero musicale "Once Upon a Time in New York City" dove il tramp inizia il gattino Oliver al ritmo della metropoli portandolo a spassa sui tetti delle automobili e sulle gru dei cantieri.
La compresenza di umani e animali, chiave di volta, come si è visto, dei lungometraggi Disney, viene arricchita di una piccola preziosa sfumatura. Tutte le sere la piccola gang del barcone si riunisce attorno ai delinquente delicato che dalla sua poltrona legge ad alta voce un libro di favole: loro anche se non parlano capiscono e lui lo sa, le distanze tra i due mondi si sono accorciate.

Ma é dall'anno successivo che ha inizio, sull'onda del successa di Chi ha incastrato Roger Rabbit, la Disney Renaissance, la nuova stagione delle mele d'oro di casa Disney, sia in senso commerciale (da questa data viene prodotto un lungometraggio d'animazione all'anno) che artistica: due o tre dei nuovi film riescono a coniugare il glamour sentimentale anni Cinquanta a iperboli e ironie post moderne.


  DISEGNI DA COLORARE  
  OLIVER & COMPANY  















  

Nessun commento: