9474652420519448 01688101952603718437

giovedì 23 ottobre 2014

TEATRO INGLESE DELL'OTTOCENTO (English theater of the Nineteenth Century)

Oscar Wilde



   
In Inghilterra la crisi del teatro continuò per tutta l'epoca vittoriana. Gli autori drammatici imitarono le commedie di Scribe e Augier riscuotendo un grande successo di pubblico.
Anche poeti come George Byron (Londra, 22 gennaio 1788 – Missolungi, 19 aprile 1824) e Percy Bysshe Shelley (Field Place, Sussex, 4 agosto 1792 – mare di Viareggio, 8 luglio 1822), continuarono a scrivere drammi (ricordiamo inoltre i drammi storici di Alfred Tennyson (Somersby, 6 agosto 1809 – Haslemere, 6 ottobre 1892) e di Robert Browning (Camberwell, 7 maggio 1812 – Venezia, 12 dicembre 1889) e le tragedie in versi di Algernon Charles Swinburne (Londra, 5 aprile 1837 – Putney, 10 aprile 1909) che però non risollevarono la situazione del teatro inglese. 
Sul finire del secolo emerse Oscar Wilde (Dublino, 16 ottobre 1854 – Parigi, 30 novembre 1900) autore di commedie (L'importanza di chiamarsi Ernesto1895) in cui la morale e le convenzioni tradizionali sono distrutte attraverso l'uso di un linguaggio ironico e paradossale.


VEDI ANCHE . . .








Nessun commento: