9474652420519448 01688101952603718437

mercoledì 14 gennaio 2015

ALIDA VALLI - Attrice italiana (Italian actress)



  
ALIDA VALLI

Alida Valli, nome d'arte di Alida Maria Altenburger von Markenstein und Frauenberg (Pola, 31 maggio 1921 – Roma, 22 aprile 2006), è stata un'attrice italiana.

Nella sua lunga carriera Alida Valli ha girato circa 110 film con alcuni dei più stimati registi internazionali. Ha fatto teatro e Tv, ma è il cinema che fa di lei una gloria italiana. 
Valli è un nome d'arte che sostituisce quello portentoso d'origine: Alida Maria von Altenburger, baronessa di Markenstein-Freuenberg. La futura attrice nasce a Pola (lstria), il 31 maggio 1921 da padre austriaco professore di filosofia, e da madre slava, Silvia Okrebar, ed è uno splendore: fronte bombata, occhi mandorlati, zigomi alti, sguardo profondo.

A 15 anni Valli è a Roma da uno zio e s'iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia. 
È subito scoperta grazie alla bellezza raffinata e sensuale, all'espressività sensibile e misteriosa. 
La sua carriera decolla con due film del '37, Il feroce Saladino di Mario Bonnard e Sono stato io! di Raffaelo Matarazzo. 
Seguono altre commedie di cassetta tra cui Mille lire al mese (1939), Ore 9 lezione di chimica (1941), e poi il primo ruolo drammatico in Piccolo mondo antico, di Mario Soldati, per il quale vince la Coppa Volpi al Festival di Venezia come migliore attrice protagonista. 
L'anno dopo gira il dittico Noi vivi e Addio Kira con Rossano Brazzi, tratto dal romanzo dl Ayn Rand, filosofa, politica anti-comunista e anti-autoritaria. L'opera è apprezzata ancora oggi sopra tutto per la Valli indimenticabile nella sua bellezza senza tempo e senza speranza. 
Sempre con Mario Soldati regista, la Valli è Eugenia Grandet (1946), e vince il Nastro d'argento.




Dopo aver perso in guerra il suo fidanzato aviatore, Carlo Cagnasca, caduto a Tobruk nel '41, la Valli sposa il musicista jazz Oscar De Mejo nel '44, e nascono i figli Carlo e Larry, mentre continua la sua ascesa. 
Nel 1947 il produttore di Via col vento David O. Selznick la invita a Hollywood, e con I'appoggio del marito, Valli decide di fare il seducente salto. Dei film girati nei cinque anni americani sono memorabili Il caso Paradine di Alfred Hitchcock, dov'è accanto a Gregory Peck (1947), e l'immortale classico di Carol Reed Il terzo uomo (1949), con Orson Welles. 
Insofferente dello "studio system" come tanti altri prima e dopo di lei, strangolata dal famigerato contratto capestro di sette anni che regolava ogni aspetto della vita pubblica e privata dell'attore, la Valli versa una stravagante penale pur di andarsene da quell'inferno travestito da paradiso che è Los Angeles. 
Si rompe anche il matrimonio con De Mejo, e l'attrice è sola con due bambini e una vita da ricostruire.

I film europei di quegli anni sono per lo più di routine, finché nel 1954 l'attrice trova il ruolo della vita, quella della bella e dannata Contessa Serpieri in Senso di Luchino Visconti. 
Le è negata una strameritata Coppa Volpi quell'anno per la sua difesa dell'amico Piero Piccioni, coinvolto nello scandalo Montesi, un fattaccio di cronaca inquinato da manovre politiche, esploso in un circo mediatico-giudiziaro dell'epoca. 
Nel 1957 è in Il grido da Michelangelo Antonioni, film fondamentale d'un autore assoluto, che vince il gran premio della critica del Festival di Locarno.

In questi stessi anni nasce il legame con Giancarlo Zagni, ex-aiuto regista di Visconti, con il quale debutta in teatro nel 1955, come fanno spesso gli attori quando i bei ruoli al cinema scarseggiano. Reciterà Ibsen, Arthur Miller, Pirandello, Genet, Cocteau, Tennessee Williams, con registi come Mauro Bolognini, Cherif, Patrice Chereau, Giuseppe Patroni Griffi. 
Negli Usa ritorna per fare qualche comparsata Tv, principalmente nella fortunata serie del Dr. Kildare, protagonista Richard Chamberlain. Anche in Italia fa Tv, ma sarà sempre il cinema che le darà i ruoli che ne fanno un mito. 
Nel 1967 Pierpaolo Pasolini la chiama per L'Edipo re. Con Bernardo Bertolucci lavora più volte: in La strategia del ragno (1972), Novecento (1976), e La luna (1979). 
Con il maestro dell'horror Dario Argento gira Suspiria (1977).
Il suo ultimo film è Semana santa, del 2002.

La Valli, riservata e antimondana da sempre, considerava un fallimento la sua vita sentimentale. Gli ultimi anni della sua vita li trascorse a Roma continuando a lavorare fino al 2006, anno della sua morte.




FILMOGRAFIA

Cinema

Il cappello a tre punte, regia di Mario Camerini (1935)
I due sergenti, regia di Enrico Guazzoni (1936)
Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
Sono stato io!, regia di Raffaello Matarazzo (1937)
Mille lire al mese, regia di Max Neufeld (1938)
L'ultima nemica, regia di Umberto Barbaro (1938)
L'amor mio non muore, regia di Giuseppe Amato (1938)
L'ha fatto una signora, regia di Mario Mattoli (1938)
La casa del peccato, regia di Max Neufeld (1938)
Ballo al castello, regia di Max Neufeld (1939)
Assenza ingiustificata, regia di Max Neufeld (1939)
Manon Lescaut, regia di Carmine Gallone (1939)
Taverna rossa, regia di Max Neufeld (1940)
La prima donna che passa, regia di Max Neufeld (1940)
Oltre l'amore, regia di Carmine Gallone (1940)
Piccolo mondo antico, regia di Mario Soldati (1941)
Luce nelle tenebre, regia di Mario Mattoli (1941)
Ore 9: lezione di chimica, regia di Mario Mattoli (1941)
L'amante segreta, regia di Carmine Gallone (1941)
Stasera niente di nuovo, regia di Mario Mattoli (1942)
Catene invisibili, regia di Mario Mattoli (1942)
Le due orfanelle, regia di Carmine Gallone (1942)
Noi vivi, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
Addio Kira!, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
T'amerò sempre, regia di Mario Camerini (1943)
I pagliacci, regia di Giuseppe Fatigati (1943)
Apparizione, regia di Jean de Limur (1943)
Gelosia, episodio del film Circo equestre Za-bum, regia di Mario Mattoli (1944)
Il postino, episodio del film Circo equestre Za-bum, regia di Mario Mattoli (1944)
Galop finale al circo, episodio del film Circo equestre Za-bum, regia di Mario Mattoli (1944)
La vita ricomincia, regia di Mario Mattoli (1945)
Il canto della vita, regia di Carmine Gallone (1945)
Eugenia Grandet, regia di Mario Soldati (1947)
Il caso Paradine (The Paradine Case), regia di Alfred Hitchcock (1947)
Il miracolo delle campane (The Miracle of the Bells), regia di Irving Pichel (1948)
Il terzo uomo (The Third Man), regia di Carol Reed (1949)
La torre bianca (The White Tower), regia di Ted Tetzlaff (1950)
Ormai ti amo (Walk Softly, Stranger), regia di Robert Stevenson (1950)
Ultimo incontro, regia di Gianni Franciolini (1951)
I miracoli non si ripetono, regia di Yves Allégret (1951)
La mano dello straniero, regia di Mario Soldati (1952)
Il mondo le condanna, regia di Gianni Franciolini (1953)
Gli amanti di Toledo, regia Henri Decoin e Fernando Palacios (1953)
Siamo donne, regia di Gianni Franciolini (1953)
Senso, regia di Luchino Visconti (1954)
L'amore più bello, regia di Glauco Pellegrini (1957)
La grande strada azzurra, regia di Gillo Pontecorvo (1957)
Il grido, regia di Michelangelo Antonioni (1957)
La diga sul Pacifico (Barriage contre le Pacifique), regia di René Clément (1958)
Gli amanti del chiaro di luna (Les bijioteurs du claire de lune), regia di Roger Vadim (1958)
Occhi senza volto (Yeux sans visage), regia di Georges Franju (1959)
Il ritorno di Arsenio Lupin, regia di Yves Robert (1959)
I dialoghi delle Carmelitane (Les dialogues de les Carmelitès), regia di Philippe Agostini e Raymond Leopold Bruckberger (1960)
Treno di Natale, regia di Raffaello Matarazzo (1960)
Il peccato degli anni verdi, regia di Leopoldo Trieste (1960)
Le gigolò, regia di Jacques Deray (1960)
L'inverno ti farà tornare (Une aussi longue absence), regia di Henri Colpi (1961)
La fille du torrent, regia di Hans Herwig (1961)
Il disordine, regia di Franco Brusati (1962)
Homenaje a la hora de la siesta, regia di Leopoldo Torre Nilsson (1962)
Furto su misura, regia di George Marshall (1962)
Al otro lado de la ciudad, regia di Alfonso Balcázar (1962)
Quella terribile notte, regia di François Villiers (1963)
A la salida, regia di Giancarlo Zagni (1963)
Ofelia, regia di Claude Chabrol (1963)
I leoni di Castiglia, regia di Javier Setó (1963)
L'uomo di carta, regia di Ismael Rodríguez (1963)
La vedova, episodio di Umorismo nero, regia di Giancarlo Zagni (1965)
Edipo re, regia di Pier Paolo Pasolini (1967)
La strategia del ragno, regia di Bernardo Bertolucci (1970)
Le champignon, regia di Marc Simenon (1970)
La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
L'occhio nel labirinto, regia di Mario Caiano (1972)
Diario di un italiano, regia di Sergio Capogna (1973)
L'Anticristo, regia di Alberto De Martino (1974)
Provocazione, regia di José María Forqué (1974)
Tendre Dracula, regia di Pierre Grunstein (1974)
La casa dell'esorcismo, regia di Mario Bava e Alfredo Leone (1975)
Il caso Raoul, regia di Maurizio Ponzi (1975)
Un'orchidea rosso sangue, regia di Patrice Chéreau (1975)
Ce cher Victor, regia di Robin Davis (1975)
Novecento, regia di Bernardo Bertolucci (1976)
Le jeu du solitaire, regia di Jean-François Adam (1976)
Cassandra Crossing (The Cassandra Crossing), regia di George P. Cosmatos (1976)
Berlinguer ti voglio bene, regia di Giuseppe Bertolucci (1976)
Suspiria, regia di Dario Argento (1977)
Suor Omicidi, regia di Giulio Berruti (1978)
Un cuore semplice, regia di Giorgio Ferrara (1978)
Porco mondo, regia di Sergio Bergonzelli (1978)
Indagine su un delitto perfetto, regia di Giuseppe Rosati (1978)
La luna, regia di Bernardo Bertolucci (1979)
Zoo zéro, regia di Alain Fleischer (1979)
Inferno, regia di Dario Argento (1980)
Aquella casa en las afueras, regia di Eugenio Martín (1980)
Sezona mira u Parizu, regia di Predrag Golubovic (1981)
La caduta degli angeli ribelli, regia di Marco Tullio Giordana (1981)
Sogni mostruosamente proibiti, regia di Neri Parenti (1982)
Segreti segreti, regia di Giuseppe Bertolucci (1985)
Aspern, regia di Eduardo de Gregorio (1985)
Le jupon rouge, regia di Geneviève Lefebvre (1987)
À notre regrettable époux, regia di Serge Korber (1988)
La bocca, regia di Mara Bronzoni e Luca Verdone (1991)
Zitti e mosca, regia di Alessandro Benvenuti (1991)
Bugie rosse, regia di Pierfrancesco Campanella (1993)
Il lungo silenzio, regia di Margarethe von Trotta (1993)
Un mese al lago (A month by the lake), regia di John Irvin (1995)
Fatal Frames - Fotogrammi mortali, regia di Al Festa (1996)
Il dolce rumore della vita, regia di Giuseppe Bertolucci (1999)
L'amore probabilmente, regia di Giuseppe Bertolucci (2000)
Vino santo, regia di Xaver Schwarzenberger (2000)
Semana santa, regia di Pepe Danquart (2002)


Televisione

I figli di Medea, film per la TV, regia di Anton Giulio Majano (1959)
Il caso Maurizius, sceneggiato televisivo, regia di Anton Giulio Majano (1961)
Doughboy, episodio della serie TV Combat! (1963)
Desencuentro, serie TV (1964)
Rome Will Never Leave You, tre episodi della serie TV Dr. Kildare (1964)
Il consigliere imperiale, film per la TV, regia di Sandro Bolchi (1974)
Les grandes conjurations: Le tumulte d'Amboise, film per la TV, regia di Serge Friedman (1978)
L'altro Simenon, serie TV (1979)
L'eredità della priora, sceneggiato televisivo, regia di Anton Giulio Majano (1980)
Verso l'ora zero, film per la TV, regia di Stefano Roncoroni - (1980)
La casa rossa, regia di Luigi Perelli (1981)
Dramma d'amore, sceneggiato televisivo, regia di Luigi Perelli (1983)
Piccolo mondo antico, sceneggiato televisivo, regia di Salvatore Nocita (1983)
Una vita in gioco 2, sceneggiato televisivo, regia di Giuseppe Bertolucci (1992)
Delitti privati, film per la TV, regia di Sergio Martino (1993)


Teatro

La casa dei Rosmer, di Henrik Ibsen, con Alida Valli, Raoul Grassilli, Tino Buazzelli, Andrea Bosic, Compagnia Alida Valli, regia di Giancarlo Zagni, prima al Teatro Biondo di Palermo il 5 gennaio 1956.

Epitaffio per George Dillon, di John Osborne e Anthony Creigton, con Renato De Carmine, Alida Valli, Lina Volonghi, Ottavio Fanfani, regia di Fulvio Tolusso, prima al Teatro Metastasio di Prato il 25 novembre 1966.

Uno sguardo dal ponte , di Arthur Miller, con Raf Vallone, Alida Valli, Delia Boccardo, Massimo Foschi, Lino Capolicchio, Lucio Rama, regia di Raf Vallone, prima la Teatro Municipale di Reggio Emilia il 5 ottobre 1967.

Il Dio Kurt, di Alberto Moravia, con Luigi Proietti, Alida Valli, Luigi Diberti, Ugo Maria Morosi, regia di Antonio Calenda, prima la Teatro Comunale dell'Aquila il 27 gennaio 1969.

Il gabbiano, di Anton Cechov, con Carlo Simoni, Alida Valli, Roldano Lupi, Ernesto Calindri, regia di Fantasio Piccoli, prima Teatro San Babila di Milano, il 16 marzo 1973.

La città morta, di Gabriele D'Annunzio, con Giulio Brogi, Alida Valli, Raffaella Azim, Aldo Regiani, regia di Aldo Trionfo, prima Teatro Sociale Lecco, 1988.



Nessun commento: