9474652420519448 01688101952603718437

domenica 8 febbraio 2015

DON CARLOS - Friedrich von Schiller

Friedrich von Schiller 

DON CARLOS (Don Karlos, Infant von Spanien)
Dramma in versi in cinque atti di Friedrich von Schiller 
Pubblicato a Lipsia nel 1787
Rappresentato al Deutsches Schauspielhaus di Amburgo il 29 agosto 1787

PERSONAGGI

Don Carlos, principe ereditario delle Asturie
Filippo II di Spagna
Elisabetta di Valois, sua moglie
Alessandro Farnese, principe di Parma e nipote del re
L'Infanta Clara Eugenia, una bambina di tre anni
La Duchessa dI Olivarez, prima dama di corte
La Marchesa di Mondecar, dama della regina
Principessa di Eboli, dama della regina (Eboli)
La Contessa Fuentes
Il Marchese di Posa, cavaliere di Malta
Duca d'Alba (Alba)
Il Conte di Lerma, colonnello della guardia del corpo
Il Duca di Feria, cavaliere del Toson d'oro
Il Duca di Medina Sidonia, ammiraglio
Don Raimondo di Taxis, ministro delle poste
Domingo, confessore del re
Il Grande Inquisitore del regno
Il Priore di un convento di certosini
Un paggio della regina
Don Luigi Mercado, medico della regina
Numerose dame e Grandi di Spagna, paggi, ufficiali, 
la guardia del corpo e un'infinità di comparse

Trasposizioni operistiche

Don Carlos di Michael Costa, 1844
Don Carlos di Pasquale Bona, 1847
Don Carlos di Antonio Buzzola, 1850
Don Carlos di Vincenzo Moscuzza, 1862
Don Carlo di Giuseppe Verdi, 1867


ATTO I

La malinconia s'è impadronita di Don Carlos, principe ereditario al trono di Spagna; il padre Filippo II e la matrigna, EIisabetta di Valois, ex promessa sposa del principe, non se la sanno spiegare. Carlos si confessa con il suo amico d'infanzia Rodrigo, marchese di Posa: soffre per la dispotica severità del padre e per aver causato la morte della madre al momento del parto, ma soprattutto perché ancora innamorato di Elisabetta. 
Carlos vorrebbe la carica di governatore delle Fiandre, assegnata al crudele duca d'Alba, per stare lontano dal suo tormento dedicandosi a una missione approvata dal padre. 
Rodrigo si offre come intermediario presso Elisabetta, ancora turbata da Carlos, appoggiando il suo disegno politico.


ATTO II

Carlos esprime al padre il suo affetto, ma anche la frustrazione di non potergli mostrare le sue capacità. Ma Filippo non crede a Carlos, persuaso da Alba che il figlio voglia detronizzarlo. Filippo, visto il disprezzo di Carlos verso Alba e riconosciuto sincero l'affetto del figlio, decide di farlo partecipare al governo, provocando la vendicativa reazione di Alba.
Carlos riceve da un paggio della regina una lettera misteriosa contenente una chiave degli appartamenti di Elisabetta. 
La felicità di Carlos è turbata dalle provocazioni di Alba, in partenza per le Fiandre, che lo sfida a duello davanti alla stanza della regina. Elisabetta li ferma con un imperioso richiamo a Carlos, ma il gioco di sguardi tra i due non passa inosservato ad Alba. 
Carlos si reca all'appuntamento con la dama misteriosa: trova la principessa di Eboli, dama di compagnia della regina, segretamente innamorata di lui.
Eboli gli consegna una lettera di un importuno corteggiatore, in cui Carlos riconosce la grafia del padre; Carlos, compreso l'equivoco, pensa di utilizzare Eboli come confidente e tramite con Elisabetta; ma Eboli, ingelosita dal legame tra la regina e Carlos, vuole vendicarsi. Alba, grazie al domenicano Domingo, confessore del re, vuole acquisire con la complicità di Eboli prove contro Carlos.


ATTO III

Filippo, insonne, trascorre la notte con Alba (che inasprisce i suoi sospetti) e Domingo (che insinua nel re l'idea che l'infanta sia in realtà una bastarda, figlia della moglie e di Carlos). 
Filippo si accorge del complotto tra Domingo e Alba, e affida la sorte di Elisabetta e Carlos a un Consiglio dei Grandi del regno: qualora colpevoli, saranno condannati a morte; altrimenti, lo saranno Domingo e Alba. 
Filippo convoca Rodrigo, l'unico nobile del regno a non avergli mai chiesto favori. Quest'ultimo cerca di persuadere il re a entrare nella storia come esempio di tolleranza, cessando la persecuzione antiprotestante. Filippo, convinto dalla sincerità di Rodrigo, lo assume al suo servizio affidandogli la missione di scoprire il vero rapporto tra il figlio e la moglie.


ATTI IV

Rodrigo propone a Elisabetta di spingere Carlos a guidare la ribellione nelle Fiandre e si fa consegnare da Carlos il suo portafoglio, contenente il biglietto di Eboli, per cancellare in Filippo ogni sospetto verso la moglie e il figlio. Ottiene quindi da Filippo l'arresto di Carlos, affidato a lui, per proteggerlo dalle insidie dei cortigiani, proprio davanti a Eboli, che, compreso di essere strumento di un gioco più grande di lei, confessa a Elisabetta il tradimento con Filippo e la vendetta contro Carlos. 
Eboli è destituita da ogni incarico da Elisabetta. La lettera di Rodrigo a Guglielmo d'Orange, in cui si accolla le colpe attribuite a Carlos, è intercettata, determinando la sua caduta e il trionfo di Alba.


ATTO V

Rodrigo, mentre visita Carlos nella stanza ove quest'ultimo è tenuto prigioniero, viene ucciso da un misterioso colpo d'arma da fuoco. Filippo, accorso insieme ai Grandi di Spagna, libera il figlio, istupidito davanti al cadavere dell'amico, ma, mentre sta per andarsene, Carlos lo blocca con la spada perché si fermi ad ascoltare la verità.
Filippo si rende conto dell'ostilità dei sudditi, quando gli è annunciata la ribellione dell'esercito e della popolazione della capitale; è così sconvolto dal tradimento di Rodrigo da attribuire la dignità regale al figlio; poi sviene ed è soccorso dai Grandi, mentre Alba assume temporaneamente il controllo.
Carlos apprende da Luigi Mercado, il medico di Elisabetta, il modo per poterla rivedere: travestendosi da monaco accrediterà la leggenda che vuole il fantasma di Carlo V aggirarsi a mezzanotte per i corridoi della reggia. Intanto, dal sequestro di alcune lettere, viene scoperto il piano di Rodrigo per insediare Carlos alla guida della rivolta dei Paesi Bassi.
Filippo, davanti al Grande Inquisitore, confessa di aver ucciso Rodrigo per una vendetta privata, e ora deve uccidere Carlos per confermare la supremazia della fede sugli istinti e sopprimere I'eresia in tutto il continente. 
Carlos raggiunge l'appartamento di Elisabetta, che gli conferma di amarlo. Carlos è ormai indifferente all'amore per Elisabetta, poiché, dopo la morte di Rodrigo, ha come unico scopo la realizzazione del suo progetto politico. Ma, sul punto di uscire dalla stanza, è bloccato da Filippo, che ha assistito alla scena insieme ai Grandi di Spagna e al Grande Inquisitore.
Elisabetta crolla al suolo morta e Filippo affida la sorte del figlio al giudice ecclesiastico.


Don Carlos è una tragedia di Friedrich Schiller; fu ispirata dagli smisurati versi anonimi usciti a Weimar. Il dramma è incentrato intorno alla figura di Rodrigo, marchese di Posa, simbolo della libertà e della tolleranza, in opposizione al cieco assolutismo di Filippo II di Spagna. Per questo l'opera incarna perfettamente lo spirito pre-romantico dello Sturm und Drang.
Già in Don Carlos Infant von Spanien traspare il mito archetipico del complesso edipico freudiano nel rapporto tra Filippo e il figlio Carlos, che contende al padre l'amore di Elisabetta di Valois, moglie del monarca spagnolo, e nel tema dell'infanticidio.

Il dramma schilleriano sarà la fonte principale di Giuseppe Verdi per il Grand Opéra Don Carlo, in 5 atti, rappresentato per la prima volta a Parigi l'11 marzo 1867 su libretto di Camille du Locle e Joseph Méry.


VEDI ANCHE . . .

FRIEDRICH SCHILLER- Vita e opere

GUGLIELMO TELL - Friedrich Schiller

DON CARLOS - Friedrich Schiller



Nessun commento: