9474652420519448 01688101952603718437

sabato 16 giugno 2018

SORRISI DI UNA NOTTE D'ESTATE (Smiles of a Summer Night - Sommarnattens leende) - Ingmar Bergman



SORRISI DI UNA NOTTE D'ESTATE 

Regia - Ingmar Bergman

Titolo originale - Sommarnattens leende
Genere - Commedia, sentimentale
Soggetto - Ingmar Bergman
Sceneggiatura Ingmar Bergman
Produttore - Allan Ekelund
Casa di produzione - Svensk Filmindustri
Distribuzione (Italia) INDIEF (1956)
Fotografia - Gunnar Fischer
Montaggio - Oscar Rosander
Musiche - Erik Nordgren
Scenografia - P.A. Lundgren
Costumi - Mago (Max Goldstein)
Trucco - Carl M. Lundh
Paese di produzione - Svezia
Anno 1955
Durata 108 minuti
Dati tecnici - Bianco/Nero

Interpreti e personaggi

Eva Dahlbeck: Desirée Armfeldt
Gunnar Björnstrand: Fredrik Egerman
Ulla Jacobsson: Anne Egerman
Björn Bjelfvenstam: Henrik Egerman
Harriet Andersson: Marta
Margit Carlqvist: Charlotte Malcom
Jarl Kulle: conte Carl Magnus Malcom
Naima Wafstrand: signora Armfeldt
Åke Fridell: Fritz
Gull Natorp: Mary
Jullan Kindahl: Berta

Doppiatori italiani

Lydia Simoneschi: Desirée Armfeldt
Augusto Marcacci: Fredrik Egerman
Miranda Bonansea: Anne Egerman
Gianfranco Bellini: Henrik Egerman
Rosetta Calavetta: Marta
Rina Morelli: Charlotte Malcom
Stefano Sibaldi: conte Carl Magnus Malcom
Tina Lattanzi: signora Armfeldt
Carlo Romano: Fritz
Clara Ristori: Mary
Maria Saccenti: Berta

Premi

Festival di Cannes 1956: Premio per l'umorismo poetico


Il film che rivelò Bergman ai pubblici di tutta Europa è Sorrisi di una notte d'estate (1955), premiato a Cannes per "l'umorismo poetico".




TRAMA - L'awocato Fredrik Egerman ha sposato una donna giovanissima, Anne. A casa c'è il nipote di Fredrik, il giovane Henrik, studente di filosofia, che simpatizza con lei. Fredrik, un po' geloso, si consiglia con una antica fiamma, I'attrice Désirée. Lei ha un figlio di nome Fredrik, ma non ammette di averlo avuto dall'avvocato. Mentre è dall'attrice, Fredrik viene sorpreso dal conte Malcom, un focoso dragone, anch'egli amante della donna. La moglie di Malcom, la contessa Charlotte, va a riferire ad Anne I'incontro di Fredrik con Désirée.
L'attrice, desiderosa di riconquistare I'avvocato, prega la mamma di dare un ricevimento nella villa e di invitare tutta la compagnia. Désirée mette a punto con Charlotte un piano per la riconquista dei rispettivi uomini. A tavola si parla d'amore. Il giovane Henrik, che ama Anne e teme di non essere ricambiato, si adira, lascia la sala e tenta il suicidio. Poi però i due si incontrano e si dichiarano: fuggiranno insieme. Charlotte ha intanto scommesso di riuscire a conquistare Fredrik e in effetti lo attira in un padiglione. Malcom li scopre e sfida Fredrik alla roulette russa. Arriva il turno di Fredrik, ma si scopre che la pistola è caricata a salve. Malcom si riconcilia con la moglie e Fredrik con I'attrice. 
Intanto la servetta Marta, un simpatico personaggio da commedia dell'arte, ha conquistato anch'ella il suo uomo, il maggiordomo Fritz.


Ulla Jacobsson: Anne Egerman

COMMENTO - Opera raffinata ed elegante, a metà strada fra la commedia e il dramma ma più vicina alla commedia, il film fu osannato dalla critica, che vi trovò tracce di illustri antenati, forse anche troppi: da Strindberg a Kafka, da Renoir a Clair, da Shakespeare a De Musset, da Laclos a Pirandello, da Beumarchais a Marivaux. Si coniò addirittura il termine di "satira filosofica" o addirittura "metafisico" contrapposta a quella "realistica" di Renoir. Si scomodò perfino Cocteau.
In effetti, oltre a essere grazioso, il film è anche colto, e certamente si propone non come un puro divertimento, ma come un'occasione di riflettere sull'amore e sui rapporti umani. Questa volta le coppie in crisi sono tre (era una in Una lezioni d'amore, erano due in Sogni di donna, e la progressione è certamente voluta. 
Il racconto, come quasi sempre in Bergman, è coniugato al femminile. È una donna infatti, Désirée, che conduce la danza e, insieme con altre donne, finisce per ottenere I'uomo desiderato. La ricomposizione delle coppie, sul finale, risponde perfettamente alle esigenze dei personaggi femminili, al loro ideale di partner è d'amore. Fa da sfondo alla vicenda quanto I'attrice dice, recitando in teatro, all'inizio. del film: 
"L'amore è come un giocoliere con tre clave: cuore, parole, sesso. È molto facile giocare con le tre clave, ma è anche molto facile farne cadere una per terra".
Dalla bocca di un personaggio secondario, Fritz, il maggiordomo, che però nell'universo bergmamiano rappresenta il semplice, la persona più vicina all'istinto e alla natura, apprendiamo, verso il finale, che la notte d'estate ha tre sorrisi. 
II primo sorriso è per i giovani innamorati che si giurano a vicenda eterno amore. Il secondo sorriso è per gli incoscienti e gli sciocchi senza alcuna speranza. Il terzo sorriso è "per tutti coloro che hanno "trovato pace e gioia di vivere in un'anima a loro gemella". 
Con queste parole si chiude ottimisticamente il film, ma tra i pupazzi di un orologio carillon mostrato un paio di volte in primo piano c'è anche il triste presasio della morte.
Non bisogna prendere esageratamente sul serio tutti i simboli e tutte le allusioni bergmaniane, anche perchè lo stesso autore ha spesso messo in guardia contro i tentativi di capire troppe cose. Ma certamente in questo film si legge la favola della vita. La breve estate svedese non è che la vita dell'uomo, e se la vita è un gioco bisognerebbe rispettarne le regole e conoscerne tutti i segreti.
Per quanro riguarda l'amore, suggerisce Bergman, pochi ci riescono, e comunque sono sempre le donne a giocare meglio degli uomini.
Il film è impreziosito da una splendida fotografia in bianco e nero (che usa i pochi esterni in funzione espressiva) e dalla ragguardevole interpretazione di tutti gli attori, fra i quali troviamo alcuni di coloro che saranno le colonne del cinema bergmaniano per molti anni, come Bibi Andersson e Gunnar Björnstrand. Nell'insieme I'andamento è piuttosto teatrale e i personaggi si muovono più della macchina da presa. Ma il film prende il volo nel momento del pranzo alla villa, quando un sapiente ricorso ai primi piani ci introduce nella sfera dei sentimenti individuali, delle passioni vere, dei drammi grandi e piccoli, palesi o nascosti. E l'autore ci fa capire che al di là dello scherzo c'è là proposta seria di una riflessione sulla solitudine, sulla difficoltà di amare veramente, sulla precarietà dei legami superficiali.


VEDI ANCHE . . .

Nessun commento: